Paolo
Caressa

Dopo aver conseguito la laurea e il dottorato di ricerca in matematica si è occupato per qualche anno di ricerca pura e docenze universitarie (facoltà di Ingegneria) per poi passare al mondo dell’industria, prima come consulente IT, poi come quantitative analyst nel campo della finanza e del risk management, per tornare infine al mondo IT come project manager, business analyst, consulente su metodologie, tecnologie, innovazione e formazione. Ha pubblicato due libri di storia della matematica (AlphaTest), un testo universitario di matematica (UAM) e diversi articoli scientifici, divulgativi e didattici su riviste di vario tipo. Tiene conferenze su argomenti fra matematica, IT e data science. Si occupa anche di formazione ed educazione, tenendo corsi sia in ambito professionale che come docente a contratto presso la facoltà di Ingegneria dell’Università “La Sapienza”.

   
TECH | 20 Feb 2018

Machine learning e l’immersione delle parole

Trasformare parole semanticamente simili in punti vicini dello spazio: quale la relazione tra assi cartesiani e parole?
Alle superiori tutti ci siamo sentiti raccontare l’aneddoto relativo ai famosi “panni in Arno” del Manzoni: vuole la leggenda che l’Alessandro nazionale abbia usato l’espressione “sciacquare i panni in Arno” per indicare la sua revisione linguistica dei Promessi Sposi, svolta sulla base dell’italiano parlato in Toscana (anzi a Firenze); l’operazione riuscì così bene che la frase esatta è riferita all’Arno “nelle cui acque risciacquai i miei cenci”. Questa immersione di panni lessicali nel bel fiume che bacia la Toscana era all’epoca un'arguta[…]